Recensione Huawei P10 Lite

Recensione Huawei P10 Lite
8.4

Display

9/10

    Hardware

    9/10

      Fotocamera

      8/10

        Materiali

        9/10

          Autonomia

          9/10

            Pro

            • Materiali e Design
            • Dimensioni contenute
            • Autonomia
            • Display
            • Hardware

            Contro

            • USB No Type-C
            • Batteria non removibile

            Huawei con le versioni Lite dei suoi smartphone ha contribuito a far crescere sempre più la sua fama e negli anni ha migliorato sempre più la qualità dei suoi prodotti. Ormai siamo arrivati alla versione Lite del P10, ma come va questo smartphone? Sarà riuscita a mantenere le stesse basi su cui sono state create le precedenti versioni, quali prezzo contenuto e prestazioni di buonissimo livello? Scoprilo in questa recensione del Huawei P10 Lite.

            Link Sponsorizzati

            Recensione Huawei P10 Lite: unboxing

            All’interno della scatola che contiene il Huawei P10 Lite, trovi anche:

            • Alimentatore 9V/2A
            • Cavo USB-MicroUSB
            • Un paio di cuffiette stereo di discreta qualità
            • Spilletta per estrarre il carrellino Sim/Micro SD
            Recensione Huawei P10 Lite: prendiamo in mano il dispositivo

            Il Huawei P10 Lite colpisce per il suo design e grazie alle sue dimensioni di 146.2 x 72 x 7.2 mm e un peso di 146 grammi, permette un utilizzo comodo anche con una sola mano, infatti le sue dimensioni sono diciamo “giuste” per essere preso in mano senza problemi. I materiali sono di ottima qualità e sono ben assemblati tra loro, dando la sensazione di qualità. Materiali come vetro lo troviamo sul fronte e retro del Huawei P10 Lite, mentre un frame in alluminio circonda lo smartphone.

            Frontalmente il Huawei P10 Lite mostra il suo display da 5.2 pollici; in alto a partire da destra, troviamo il led di notifica, la capsula audio, il sensore di prossimità, luminosità, la fotocamera da 8 MP. Non è presente alcun soft touch sul lato inferiore del frontale dello smartphone, infatti tutte le operazioni di questi pulsanti vengono svolte virtualmente su schermo tramite il sistema operativo Android (i tasti sono poi personalizzabili via software);

             

            Sulla sinistra dello smartphone troviamo il carrellino per inserire la Nano Sim e la Micro SD;

            Sul lato destro sono presenti il tasto d’accensione Power e il bilanciere del volume;

            Sul lato inferiore sono stati alloggiati la presa micro USB (No Type-C), il microfono e l’altoparlante;

            Sul lato superiore troviamo invece il jack per le cuffie e il secondo microfono;

            Il posteriore del Huawei P10 Lite, è caratterizzato dalla presenza di un lettore d’impronte digitali multifunzione (che permette di eseguire gesture, scattare foto ecc.) che si è dimostrato sempre rapido e preciso nel riconoscimento dell’impronta. Sempre sul retro troviamo anche una fotocamera da 12 MP con di fianco il Flash Led.

            Recensione Huawei P10 Lite: display

            Il display del Huawei P10 Lite ha una diagonale da 5.2 pollici ed è di tipo IPS LCD, mentre la sua risoluzione è di 1920×1080 pixel (Full HD) e 424 ppi. Il frontale in vetro garantisce una protezione adeguata dello schermo, mentre il suo trattamento oleofobico permette in maniera discreta di non conservare le impronte dei tocchi che vengono fatti. I colori del display rimangono sempre di ottima qualità e volendo sono settabili per quanto riguarda la temperatura via software. Lo schermo si dimostra comunque di ottima qualità, abbastanza luminoso e consente una visualizzazione del contenuto del display ben visibile, anche sotto la luce diretta del sole.

            Recensione Huawei P10 Lite: hardware

            Il processore del P10 Lite è il HiSilicon Kirin 658 octa core (Quad-core 2.1 GHz Cortex-A53 + Quad-core 1.7 GHz Cortex-A53), accoppiato a una GPU Mali T830 MP2. Il processore si è dimostrato ottimo e permette al dispositivo di eseguire qualsiasi operazione senza impuntamenti e sempre con la massima efficienza sia nella normale navigazione dei menù dello smartphone, che con i giochi più impegnativi, grazie anche a una Ram da 4GB. Per quanto riguarda invece lo spazio di archiviazione, abbiamo la memoria interna da 32 GB, espandibile però via Micro SD fino a ben 256 GB.

            Per quanto riguarda la connettività, supporta il tipo 4G LTE che arriva a 300 Mbps, mentre il Wi-Fi è dual band 802.11 a/b/g/n/ac. Presenti anche la tecnologia NFC, il Bluetooth 4.1, il giroscopio e la radio FM.

            Recensione Huawei P10 Lite: fotocamera

            La fotocamera principale del Huawei P10 Lite è da 12 MP, ha un’apertura focale f/2.2 e garantisce una massa a fuoco dell’immagine abbastanza veloce, generando quindi uno scatto rapido della foto. Macro, panoramiche e foto in generale se scattate in diurna con luce a sufficienza, sono ricche di dettagli e i colori rimangono sempre naturali, merito anche dell’HDR che se impostato riesce a correggere al meglio l’immagine finale. In notturna però le cose cambiano sensibilmente in peggio, infatti se con la luce abbondante si riescono a creare foto di ottima qualità, in notturna o comunque con il calare della luminosità si perdono alcuni dettagli e aumenta la rumorosità, nonostante sia presente il Flash Led ad aiutare in condizioni di scarsa luminosità. Nulla comunque di spaventoso.

            La fotocamera frontale da 8 MP con apertura f/2.0, riesce a scattare ottimi selfie, anche in questo caso si rimarrà soddisfatti degli scatti e della loro qualità ottenuta.

            Per quanto riguarda il software di gestione della fotocamera abbiamo diverse impostazione e opzioni ta cui una modalità Auto che ricrea le condizioni ottimali di scatto in automatico, mentre per i fotografi più esperti è possibile impostare la modalità manuale Pro. Sia la modalità Auto che quella Pro, possono essere usate per quanto riguarda le regolazioni manuali delle foto ma anche dei video. Ovviamente quando dalla modalità Pro, si decide di impostare manualmente iso, esposizione, messa a fuoco ecc, si deve sapere bene cosa si va a regolare per ottenere il massimo da una foto, altrimenti gli scatti invece di migliorare, andranno a peggiorare il risultato finale.

            Recensione Huawei P10 Lite: software

            Android 7.0 Nougat con interfaccia grafica Emiui 5.1 è il sistema operativo del Huawei P10 Lite. Oltre a essere sempre rapida e fluida (merito anche dell’hardware), tra le particolarità più importanti c’è quella di poter scegliere tra tanti altri temi per rinnovare a proprio piacimento la veste grafica, la possibilità di attivare o meno il drawer, attivare l’app gemella (ma solo per Whatsapp e Facebook è permesso avere il doppio account), attivare la funzione d’uso dello smartphone con una sola mano. Ottimo e utile il multiwindow di Nougat che permette di usare in contemporanea due applicazioni, dividendo lo schermo in 2 sezioni. Il sensore biometrico, può essere usato non solo per riconoscere le impronte digitali e sbloccare il dispositivo, ma anche per altre funzioni, come espandere la tendina delle notifiche tramite gesture o sfogliare le fotografie salvate sulla Galleria Android.

            Recensione Huawei P10 Lite: autonomia

            La batteria non removibile da 3000 mAh, garantisce un’autonomia di circa 5 ore di schermo acceso con la regolazione automatica della luminosità, ma in ogni caso, anche in condizioni di uso misto stress e normale del dispositivo si arriva tranquillamente a fine giornata, merito anche del processore che non è particolarmente affamato di energia e riesce a lavorare correttamente senza mai scaldare in maniera preoccupante.

            Recensione Huawei P10 Lite: conclusioni

            Il Huaweri P10 Lite offre un ottimo design e reparto fotografico, un sistema operativo veloce e fluido, merito anche del fatto che ha un processore di ultima generazione potente e accoppiato a una quantità di Ram più che sufficiente per le normali operazioni. L’autonomia dello smartphone è abbastanza soddisfacente; la memoria d’archiviazione non sarà sicuramente un problema visto che tra quella interna e quella espandibile ci si potrà salvare di tutto e di più. Se devo trovare “un però”, metterei il fatto che non si può rimuovere la batteria e che il connettore USB non è Type-C. Il prezzo di lancio che era abbastanza alto, attualmente sta scendendo e direi che se continua a scendere ancora un pò di qualche decina di euro, diventerà sicuramente uno smartphone da acquistare senza pensarci troppo.


            Link Sponsorizzati