Recensione Lenovo Moto Z

Recensione Lenovo Moto Z
8

Display

9/10

    Hardware

    9/10

      Fotocamera

      8/10

        Materiali

        9/10

          Autonomia

          7/10

            Pro

            • Materiali
            • Qualità costruttiva
            • Display
            • Moduli aggiuntivi

            Contro

            • Batteria
            • Video non all'altezza della fotocamera
            • Utilizzo di un adattatore per il Jack cuffie

            Il Lenovo Moto Z è uno smartphone con caratteristiche da Top di gamma che si è fatto attendere per diverse novità che riguardano in primo luogo la modularità, cioè l’espansione e il potenzionamento di alcune funzioni del dispositivo attraverso moduli esterni smontabili e montabili quando necessario. Senza dubbio il Lenovo Moto Z è uno smartphone che riesce a distinguersi dalla massa, non solo per il particolare che è modulare, ma anche per le sue caratteristiche estetiche, come ad esempio lo spessore.

            Link Sponsorizzati

            Ma scopriamo meglio come si comporta questo dispositivo.

            Recensione Lenovo Moto Z: unboxing

            All’interno della confezione che contiene il Lenovo Moto Z, sono presenti:

            • Un paio di cuffiette con jack da 3.5 mm, di cui però è assente l’ingresso nello smartphone e al suo posto si deve utilizzare un adattatore 3.5 mm Type-C 3.0 che va inserito nel connettore della ricarica. Questa scelta costruttiva provoca sicuramente dei disagi in quanto è scomodo come sistema in particolar modo quando si deve eseguire anche la ricarica.
            • Un caricatore rapido da parete da 5V/3A con cavo integrato, quindi nessun cavo USB da poter smontare per i collegamenti del dispositivo al PC.
            • Una Style Shell magnetica in tessuto da montare come cover posteriore
            • Un bumper in plastica
            Recensione Lenovo Moto Z: prendiamo in mano il dispositivo

            Il Lenovo Moto Z è costruito con una struttura in alluminio e vetro e ha dimensioni di 153.3 x 75.3 x 136 grammi, ma ciò che stupisce maggiormente a prima vista di questo Lenovo Moto Z è sicuramente lo spessore che misura solo 5.19 mm e ciò nonostante riesce a contenere un hardware Top di gamma e una batteria da 2600 mAh.

            Recensione Lenovo Moto Z Slide 2

            Fontalmente troviamo l’ampio display da 5,5 pollici AMOLED QuadHD 1440p (2560 x 1440) / 535 ppi, i sensori di prossimità, luminosità, due sensori a infrarossi che rilevano il movimento della mano anche al buio e una fotocamera frontale da da 5 Megapixel con Flash Led. La capsula auricolare ha anche la funzione di speaker, mentre il tasto posto sul basso del Lenovo Moto Z ha la sola funzione di lettore di impronte digitali per bloccare e sbloccare il dispositivo. Presenti anche 2 microfoni.

            recensione-lenovo-moto-z-1

            Sul lato sinistro sono stati posizionati i due pulsanti separati per la regolazione del volume e il tasto d’accensione e spegnimento del dispositivo.

            recensione-lenovo-moto-z-2

            Sul lato superiore è stato alloggiato il secondo microfono e lo slot per inserire le due Nano SIM, di cui il secondo slot può essere utilizzato per l’inserimento di una scheda micro SD con capacità massima di ben 2 TB.

            Sul lato inferiore, troviamo il connettore USB-Type C 3.0, con supporto OTG che con l’utilizzo di un adattatore, funziona anche da jack audio per le cuffie.

            Posteriormente, ciò che si nota subito è la sporgenza della fotocamera, spessore che si può praticamente azzerare montando la cover in tessuto che viene data in dotazione. Questa cover, oltre a proteggere il Lenovo Moto Z, rende anche la presa più salda del dispositivo e meno scivolosa. Presente poi al centro una parte in metallo utile per far agganciare i moduli, mentre sui lati superiore e inferiore, dove sono presenti le antenne, sono stati inseriti delle bande in vetro nero. Sul lato posteriore è stato inserito anche un ulteriore microfono.

            recensione-lenovo-moto-z-retro-2

            Recensione Lenovo Moto Z: display

            Il display del Lenovo Moto Z è un 5,5 pollici AMOLED QuadHD 1440p (2560 x 1440) / 535 ppi ben retroilluminato che riesce a regalare dei colori molto belli e brillanti (gestibili via software), anche se, quando viene inclinato i colori non rimangono fedelissimi, il bianco infatti tende leggermente sull’azzurro a seconda dell’inclinazione che viene data al display. La luminosità automatica fa bene il suo lavoro e riesce ad adattare bene la luminosità dello schermo a seconda della luce che è attorno a noi. Il display è coperto da un vetro Gorilla Glass 4 oleofobico che garantisce una buona visuale del contenuto dello schermo anche sotto la luce diretta del sole.

            Recensione Lenovo Moto Z: hardware

            Il processore del Lenovo Moto Z è uno Snapdragon 820 quad-core da 1.8GHz accoppiato a una GPU Adreno 530. La Ram è da 4 GB LPDDR4, mentre la memoria interna è da 32 GB, di cui sono disponibili 23.63 GB, ulteriormente espandibili tramite Micro SD con capacità massimo fino a 2 TB. La memoria esterna, può essere utilizzata anche come memoria interna.

            La connettività di rete è di tipo LTE e arriva fino a 450 Mbps, è presente l’NFC, la connessione Bluetooth 4.1 e il Wi-Fi ac a doppia banda. Il GPS è assistito da GLONASS.

            Sul retro del Lenovo Moto Z, si possono montare i moduli, cosa che essendo magnetici, avviene con molta facilicilità appoggiandoli sul retro della scocca dello smartphone. Al momento i moduli aggiuntivi sono limitati, ma sono presenti speaker, fotocamera, powerpack e proiettore, bisognerà vedere quindi se la casa implementerà ulteriori moduli aggiuntivi e quanto saranno interessanti.

            Recensione Lenovo Moto Z: fotocamera

            La fotocamera principale con stabilizzatore ottico d’immagine è da 13 Megapixel f 1/8 riesce a scattare ottime foto con condizioni di luce accettabili, mentre con il calare della luminosità, anche se si usa il Dual Flash compare un pò di rumore, abbassando la qualità dell’immagine di questa fotocamera, che in ogni caso, anche in condizione di scarsa luce riesce a fare ugualmente foto di buon livello.La messa a fuoco è rapida grazie all’autofocus laser e le foto anche in macro riescono a raccogliere parecchi dettagli fotografici. Per quanto riguarda invece i video invece, la messa a fuoco non è tanto rapida, durante i movimenti non si ha un andamento fluido e di conseguenza i filmati non riescono perfetti.

            Presenti diversi aiuti software per migliorare la qualità fotografica e una modalità PRO utile nel fare modifiche manuali come il bilanciamento dei colori e dell’esposizione.

            recensione-lenovo-moto-z-retro

            Recensione Lenovo Moto Z: software

            A pilotare questo smartphone c’è Android 6.0.1 Marshmallow che sicuramente verrà poi aggiornato ad Android Nougat e si presenta con una interfaccia praticamente stock di Android ma a cui sono state aggiunte alcune utili funzioni da parte di Lenovo per migliorare l’esperienza d’uso del dispositivo come ad esempio:

            Moto Actions: tramite l’uso di gesture, permette di attivare alcune funzioni come l’azionamento della fotocamera scuotendo il dispositivo oppure azionare la torcia con dei rapidi movimenti.

            Moto Display: con il solo movimento di una mano è possibile accedere e gestire le notifiche che arrivano sullo smartphone con lo schermo spento.

            Moto Voice: consente di lanciare anche se lo schermo è spento l’assistente di Google tramite una frase da noi personalizzata. Possibilità di sapere anche chi chiama e la lettura della notifica dei messaggi.

            Il sistema con Android 6.0.1 Marshmallow, si comporta sempre in maniera fluida e veloce sia durante la navigazione dei menù e l’apertura delle app, che quando si utilizzano i giochi particolarmente pesanti. Una cosa che si nota è che lo smartphone quando si usano questi ultimi tende ovviamente a scaldare, ma in questo caso si nota in particolar modo a causa dello spessore ridotto all’osso del dispositivo. Le temperature non sono elevate, ma comunque si fanno notare per i motivi sopra citati.

            Recensione Lenovo Moto Z: autonomia

            La batteria è da 2600 mAh, che sembrerà un pò piccola per questo dispositivo e invece…e invece è proprio così. La batteria di questo dispositivo è sottodimensionata, infatti con tante attenzioni e un uso normale si riesce ad arrivare massimo sino a sera mentre con lo schermo acceso si riescono a raggiungere circa 3 ore di display attivo; per chi quindi usa principalmente lo smartphone con i giochi che succhiano in particolar modo batteria, sarà meglio portarsi dietro un powerbank o il caricatore rapido che comunque in quest’ultimo caso, in circa un’ora garantisce una ricarica completa del device. In alternativa, ma forse è la soluzione migliore, per aumentare l’autonomia, rinunciando però allo spessore ridottissimo del Lenovo Moto Z, può essere acquistato il modulo Lenovo Power Pack da 2220 mah che funge da batteria maggiorata e assicura 22 ore di autonomia.

            Recensione Lenovo Moto Z: conclusioni

            Il Lenovo Moto Z ha dei pregi come l’innovativo fatto che ha dei moduli agguntivi, ha uno spessore molto ridotto rispetto alla concorrenza, fa delle foto che soddisfano l’utente e ha un hardware da top di gamma. Purtroppo la batteria non è adeguata, colpa dello spessore ridotto all’osso del device e per chi fa uso del jack audio potrebbe essere fastidioso utilizzare l’adattatore a causa della mancanza del jack da 3.5 mm. In conclusione il Lenovo Moto Z è un ottimo smartphone, da un certo punto di vista innovativo, ma ciò che non convince è la batteria e la sua autonomia ma dopo tutto, con uno spessore di soli 5.19 mm, non ci si poteva di certo aspettare una batteria da 4000 mAh, anzi per lo spessore e dimensioni che ha il Moto Z si è riusciti ad avere una batteria fin troppo capiente.


            Link Sponsorizzati